Che siano a spillo, a virgola, quadrati o scultura è arrivato il momento di dimenticarci dei tacchi: è giunta l’ora delle scarpe da ginnastica, o per chiamarle con un nome più internazionale e quindi chic, delle trainers.

Ad affermarlo le stesse case di moda, che nelle ultime due stagioni hanno preferito proporre questo modello di calzature, inusuale per le passerelle, tanto più per l’alta moda, e mettendo in secondo luogo le classiche décolleté.

A lanciare questa tendenza, presentando per prima calzature da ginnastica rivisitate, è stata Prada nella collezione della primavera 2014. Infatti rifacendosi allo stile urbano delle metropoli e lasciandosi influenzare dalle tendenze artistiche suburbane presenta sandali dalla silhouette ginnica decorati con maxi applicazioni di pietre ed allacciatura strap, il tutto abbinato con scaldamuscoli.

La tendenza si diffonde velocemente e giunta la stagione successiva da Milano giunge a Parigi, dove arriva ad invadere anche le passerelle dell’Haute Couture.

E’ il turno di Chanel che giunge ad accostare le sneakers con logo, seppur declinate in delicate tonalità pastello, ai capi più raffinati e preziosi tipici dell’alta-moda, con un effetto del tutto discutibile.

Ed infine Chistian Dior con alla guida Raf Simons, che mantenendo a seguire i dettami del new look, giunge a far sfilare sulla passerella per il prossimo autunno l’unione perfetta tra scarpe da ginnastica e scarpe col tacco, che pur conservando un classico cinturino nero e un tacco scultura sono caratterizzate da un importante plateau policromo, che chiaramente ricorda nella forma e nei colori le suole delle trainers.

E proprio lo stilista belga Raf Simons sembra amare a tal punto tale modello di calzature da aver da poco riconfermato la collaborazione con l‘Adidas per la produzione di otto modelli unisex. E anche se non è il primo designer a collaborare con marchi per collezioni sportwear, prima di lui Mcqueen e Stella Mccartney, è senza dubbio il primo a portare questa collaborazione anche su una prestigiosa passerella….

E nel pieno dubbio gusto di tale moda non resta che decidere da quale lato schierarsi, essere fashion victims a tutti i costi e girare con Nike abbinate ad un tailleur  o optare per un outfit meno vistoso ma pur sempre elegante e ricercato…

Quali scarpe indossare? Con quelle da ginnastica non puoi sbagliare! Che siano a spillo, a virgola, quadrati o scultura è arrivato il momento di dimenticarci dei tacchi: è giunta l’ora delle 

Kate Moss, l’icona per eccellenza del mondo della moda, colei che ha sconvolto i canoni di bellezza smitizzando l’immagine delle modelle imponenti e statuarie degli anni 90′, è riuscita negli anni a reinventarsi e a restare la più ambita del settore grazie al suo spiccato senso estetico, ma soprattutto al gossip chè è stata in grado di creare intorno a lei. E’ passata negli anni dalla giovane ragazza dal volto androgino alla modella dalla vita sregolata, dalla mamma premurosa alla scandalosa Kate degli eccessi e delle relazioni tormentate, alla donna in carriera che riesce a muoversi, con successo, in ogni campo della moda.

Il suo percorso evolutivo è ora in mostra alla galleria di arte contemporanea ONO di Bologna , e vi resterà sino al primo Maggio, dove si rende omaggio alla top model, quest’anno quarantenne e tutt’ora all’apice del successo, attraverso gli scatti dei più grandi fotografi che hanno immortalato l’immagine e l’essenza di Kate Moss lungo il corso della sua lunga carriera, iniziata quattordicenne quando realizzò il suo primo servizio fotografico per The Face.  Cominciò allora quell’ascesa che non si è più interrotta. Devo assolutamente andare.

“Kate Moss: The icon” mostra alla Ono di Bologna Kate Moss, l’icona per eccellenza del mondo della moda, colei che ha sconvolto i canoni di bellezza smitizzando l’immagine delle modelle imponenti e statuarie degli anni 90’, è riuscita negli anni a reinventarsi e a restare la più ambita del settore grazie al suo spiccato senso estetico, ma soprattutto al gossip chè è stata in grado di creare intorno a lei.
Coppie di moda

Anche le più grandi icone della moda, gli stilisti più acclamati e i couturiers maggiormente apprezzati, oltre ad essere i protagonisti del fashion system, hanno anche un lato che li può far accomunare al resto degli esseri umani, l’AMORE. Moltissime le storie d’amore tra stilisti, e tutte incredibilmente romantiche ed affascinanti, e con questo articolo mostreremo alcune delle storie più note…

 …

View On WordPress

“Un ottimo modello può proporsi alla moda anche per dieci anni.”

E’ una delle frasi più celebri di Yves Saint Laurent, e a giudicare i suoi abiti si può ben affermare che sono molto più che ottimi, essendo passati di decade in decade e diventati dei veri e propri capi iconici della moda del ’900.

Iconici come il loro creatore al quale sono dedicati ben due film biografici in uscita quest’anno. Entrambe produzioni francesi, entrambe composte da un cast rigorosamente d’oltralpe, ma soprattutto entrambe promettenti.

Ça va sans dire il titolo delle pellicole è “Yves Saint Laurent” e “Saint Laurent”.

La prima è già stata presentata a Gennaio al Festival di Berlino, è stata diretta dal regista Jalil Lespert e a ricoprire il ruolo del protagonista è l’attore Pierre Niney. Eccezionali i costumi di scena, alla produzione è stato infatti concesso l’accesso ai vasti archivi della maison e nel film appaiono abiti originali. La narrazione è incentrata soprattutto sul periodo del passaggio dalla maison Dior alla fondazione del suo marchio e sulla relazione con Pierre Bergè, il compagno di tutta la vita di Yves che si è detto completamente soddisfatto del film.

yves-saint-laurent-affiche_470005_1869

Diversa la sorte di “Saint Laurent” diretto da Bertrand Bonello di cui si sa ancora poco, se non che uscirà il prossimo Ottobre e che pur essendo la biografia dello stilista probabilmente più romanzata comunque è un film promettente anche a causa della partecipazione di uno dei più importanti attori della scena francese, Gaspard Ulliel, alias “monsieur Bleu de Chanel”, che si calerà nelle raffinate vesti del couturier.

saintlaurent2_2481925a

In attesa dell’uscita nelle sale italiane per giudicare e decretare il vincitore non resta che osservare le immagini dai backstage.

“Un ottimo modello può proporsi alla moda anche per dieci anni.” E’ una delle… “Un ottimo modello può proporsi alla moda anche per dieci anni.” E’ una delle frasi più celebri di 
Fashion! | via Facebook su We Heart It.
Gianluca Cococcia | via Facebook su We Heart It.
Always on top | via Tumblr su We Heart It.